Jasper Johns

Jasper Johns, White Flag, 1955,  Metropolitan Museum of Art

Leggo e riporto questa riflessione di Jasper Johns, molto interessante:

Un’opera può dirsi finita quando è risolta in sé, quando è per se stessa, quanto ti ha svuotato, quando tutte le sue parti sono andate in una certa direzione, e non sono più possibili ritorni.

Jasper Johns, stralcio di un’intervista rilasciata a “La Lettura” (21.02.2106)

Un’opera può dirsi finita quando l’artista ha la chiara percezione che non vi sia più nulla da aggiungere o togliere. Quando tutte le sue parti seguono armoniosamente una certa direzione.

Quando il creatore si sente ‘svuotato’, allora l’opera è pronta per vivere di vita propria. E’ una relazione dinamica tra l’opera e l’artista, sostenuta da un meccanismo di spostamento che facilita il rigenerarsi di un nuovo atto creativo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Studio Spazio Bianco

© 2019 Studio Spazio Bianco

Presso Associazione R84, Strada Privata Ville ICIP, 4
Palazzina 27 – Mantova (MN) Italia

Part.IVA 02611160207
Tel. +39 335 6423055 – info@studiospaziobianco.it

Privacy Policy  |  Cookie Policy