167487
Jules Bastien-LepageEffet de neige, Damvillers

Quest’inverno ‘primaverile’ non riesco proprio ad apprezzarlo. E così mi sono tuffata nella lettura di un bel libro che consiglio, recentemente pubblicato da Guanda, L’invenzione dell’inverno, scritto dal giornalista Adam Gopnik. Un excursus eclettico dedicato alla trasformazione della concezione dell’inverno nel pensiero occidentale a partire dalla metà del Settecento.

Perché la predilezione per l’inverno come fonte d’ispirazione poetica, con tutto quanto di misterioso e sublime porta con sé, è un’inclinazione dei tempi moderni coltivata da intellettuali, artisti, poeti e musicisti. Dalle scene innevate di Friedrich ai lieder Winterreise di Franz Schubert, dagli effets de neige di Claude Monet a Canto di Natale di Charles Dickens.

Ma è l’autore stesso ad essersi infatuato dell’inverno, una stagione che evoca in lui ricordi di serenità, “di un raro equilibrio perfetto, mentre stavo in cima a Mount Royal, nel cuore di Montreal, con gli sci da fondo ai piedi, alle cinque di un pomeriggio di febbraio, e avvertivo una sensazione di tranquillità, un attaccamento al mondo, una comprensione della realtà, che non avevo mai provato prima”.

 

Consiglio di lettura: Adam Gopnik, L’invenzione dell’inverno, Guanda, 2016

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Studio Spazio Bianco

© 2019 Studio Spazio Bianco

Presso Associazione R84, Strada Privata Ville ICIP, 4
Palazzina 27 – Mantova (MN) Italia

Part.IVA 02611160207
Tel. +39 335 6423055 – info@studiospaziobianco.it

Privacy Policy  |  Cookie Policy